I nostri blush preferiti
Makeup

Tre blush che non dovrebbero mancare nella tua make-up collection

Ascolta l’articolo!

Effetto bon mine, iper naturale, super intenso, grafico o sfumato alla perfezione: il blush è uno dei cosmetici più importanti quando si realizza una base viso. Sbagliare texture o colore può mandare all’aria tutto il lavoro fatto il precedenza, ma scegliere la sfumatura e la tecnica giusta può addirittura trasformare un look banale in un vero capolavoro.

Per andare sul sicuro, vi consigliamo i nostri tre preferiti, dalle performance elevatissime e adatti a tutte le generazioni: provare per credere.

I tre blush che amerai alla follia

Marica Mario

Rhubarb: il blush per chi vuole osare

Marica: #Generation30 – Pelle mista/secca

Blush Mac Rhubarb

Tra i miei blush preferiti c’è sicuramente Rhubarb di Mac: un bellissimo color magenta con sottotono freddo e finish satinato. Una tonalità così intensa e particolare da renderlo unico nel suo genere.
Caratterizzato da una pigmentazione estremamente elevata, è consigliabile applicarlo a piccoli tocchi se si ha una carnagione molto chiara. La durata è ottima e nonostante nella cialda la polvere sembri secca al tatto, in realtà si sfuma bene e si fonde piacevolmente alla pelle. Per me è super consigliato!

Alessia-Beltramini

Strawberry Drip: il blush in crema che non sapevi di volere

Alessia: #Generation20 – Pelle mista

Mentre vivrei solo di bronzer, non amo molto i blush e non ne ho moltissimi nella mia collezione. Se qualche mese fa mi fosse stato detto che il mio blush preferito sarebbe stato in crema, probabilmente con la mia pelle mista non gli avrei creduto.

Da quando ho acquistato il cream blush di Fenty nella colorazione Strawberry Drip, però, non uso altro: color fragola dalla intensità modulabile, formula sottilissima che non si sposta e non evidenzia i pori, e lascia un meraviglioso effetto glow sulle gote. Lo applico con un flat kabuki brush o anche con le dita e lo sfumo in pochi secondi. Mi piace sia su pelle truccata sia con pelle senza fondotinta, per dare un effetto salute naturale con la giusta luminosità.

Non vedo l’ora di acquistare le altre colorazioni in wishlist, questo blush é stato in grado di farmi ricredere sui prodotti in crema!

Simona Oliva

Il color pesca che viene dal Giappone

Simona: #Generation40 – Pelle normale

Il mio blush preferito e il “p peach 47”di shu uemura ed è anche l’unico che ho finito e ricomprato!

Mi piace molto perché è un pescato super soft che sta bene con qualsiasi look, infatti dona quell’aspetto “salutare” senza essere invadente.

È leggermente satinato (ma proprio minimo) e lo trovo davvero fantastico perché si sfuma facilmente.

Diciamo che è un classicone come colore, quella tonalità che difficilmente sta male a qualcuno, perché pur essendo un pesca, è così delicato che donerà sulle gote di tutte.

Iscriviti alla newsletter!

E’ gratis e ti consente di ricevere direttamente nella tua casella di posta tanti consigli di bellezza e tutte le novità del mondo beauty!


Redazione

Ciao! Siamo Alessia, Marica e Simona: beauty blogger di generazioni diverse, ma accomunate della grande passione per il mondo della cosmesi. Clicca su "chi siamo" nel menù in alto per scoprire qualcosa in più su di noi.

Redazione

Ciao! Siamo Alessia, Marica e Simona: beauty blogger di generazioni diverse, ma accomunate della grande passione per il mondo della cosmesi.
Clicca su "chi siamo" nel menù in alto per scoprire qualcosa in più su di noi.

Ti potrebbero anche piacere...